Nuove regole per rilascio o rinnovo della patente per diabetici e cardiopatici

pubblicato in: News | 0

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 63 del 16/03/2018 il Decreto del Ministero dei Trasporti del 26/01/2018 che recepisce la Direttiva Comunitaria 2016/1106 che modifica i requisiti per ottenere la patente di guida. Le modifiche riguardano i pazienti che soffrono di malattie cardiovascolari (Allegato I) e diabete (Allegato II).

Il primo allegato modifica i requisiti relativi alle malattie cardiovascolari, che “possono provocare una improvvisa menomazione delle funzioni cerebrali costituendo un pericolo per la sicurezza stradale. Tali malattie costituiscono un motivo per istituire restrizioni temporanee o permanenti alla guida”. I medici possono quindi limitare la validità della patente, o addirittura non concederla, se rilevano alcune situazioni, come ad esempio bradiaritmie, tachiaritmie, angina, pacemaker permanenti, defibrillatori, sincope, sindrome coronarica acuta, angioplastica coronarica, by-pass aorto-coronarico, stenosi carotidea severa, ictus, insufficineza cardiaca, trapianto di cuore, dispositivo di assistenza cardiaca, chirurgia delle valvole cardiache, ipertensione maligna.

Il secondo allegato afferma che “la patente di guida non deve essere rilasciata nè rinnovata al candidato o conducente che non abbia un’adeguata consapevolezza dei rischi connessi all’ipoglicemia. La patente di guida non deve essere nè rilasciata nè rinnovata al candidato o al conducente che soffra di ipoglicemia grave e ricorrente, a meno che la richiesta non sia supportata da un parere medico specialistico e valutazioni mediche periodiche. Nel caso di ipoglicemie gravi e ricorrenti durante le ore di veglia, la patente di guida non deve essere rilasciata nè rinnovata prima dei tre mesi successivi all’ultimo episodio. La patente di guida può essere rilasciata o rinnovata in casi eccezionali a condizione che il rilascio/rinnovo sia debitamente giustificato dal parere di un medico diabetologo, appartenente a struttura pubblica, e sottoposto a valutazione medica periodica che garantisca che la persona è in grado di guidare il veicolo in modo sicuro tenendo conto degli effetti della patologia”.

Il testo del Decreto è scaricabile QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cliccando sul checkbox accetti la nostra privacy policy