La nuova patente è valida come documento di identità?

pubblicato in: News | 0

Una delle domande più frequenti che gli utenti mi rivolgono è se la nuova patente di guida sia valida come documento di identità. La risposta è si.

La patente di guida può essere usata, sul territorio italiano, come documento di riconoscimento al pari della carta di identità e del passaporto.

Il dubbio è stato sciolto da una apposita circolare del Ministero dell’Interno (Circolare nr M/2413/8 del 14.03.2000) che ha spiegato come la patente, anche nel formato plastificato, contiene i requisiti previsti dalla legge (art. 35 D.P.R nr 445/2000) per poter identificare un cittadino italiano dato che si tratta di un documento:

  • munito di fotografia e di timbro o di altra segnatura equivalente;
  • rilasciata da una Amministrazione dello Stato.

A tal fine sono considerati equipollenti alla carta di identità e validi per il riconoscimento personale, oltre alla patente di guida: il passaporto, la patente nautica, il libretto di pensione, il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici, il porto d’armi.

I documenti di identità di cui all’art. 1, comma 1, lettere c), d) ed e), del D.P.R. 28/12/2000, n. 445 rilasciati o rinnovati successivamente all’entrata in vigore del decreto legge 9 febbraio 2012 n. 5, convertito il legge il 4 aprile 2012 n.35 hanno scadenza nel giorno del compleanno successivo allo scadere del decimo (o quindi o terzo) anno, e avranno dunque una durata di una frazione d’anno superiore alla scadenza che si sarebbe altrimenti prevista.

La validità della patente come documento di riconoscimento vale senza dubbio sul territorio italiano. All’estero, invece, la patente potrebbe non essere considerata documento valido.

Difatti, per viaggio nei Paesi dell’Area Schengen o extra Schengen occorrono documenti validi per l’attraversamento delle frontiere e cioè: carta d’identità, passaporto, diverso documento di viaggio specificamente riconosciuto dallo Stato di destinazione; nel caso dell’Italia, sono riconducibili a tale categoria le tessere personali di riconoscimento rilasciate ai dipendenti civili dello Stato nonché ai militari (tessere AT/BT) ed il cosiddetto lasciapassare per minore di anni quindici.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cliccando sul checkbox accetti la nostra privacy policy